Sociale

Progetto ARES: Azioni di REte e Sostegno 2012 -2013
Progetto, con capofila il Comune di Scandicci (Fi) e Nosotras partner, finanziato nell’ambito dell’Azione 8 – “Capacity building” del Fondo F.E.I. (Fondo Europeo Integrazione) – Ministero dell’Interno.
Il progetto ha visto un’azione mirata a migliorare i livelli di gestione ed erogazione dei servizi pubblici ed amministrativi rivolti ai cittadini di paesi terzi, nonché promuovere interventi di mainstreaming che prevedano l’inserimento dei temi dell’integrazione nella programmazione e nell’attuazione degli interventi di politica sociale.

Progetto MAAT: azioni di sostegno ed accompagnamento 2011-2012
Il progetto di cui è stata capofila Nosotras con il sostegno dell’Ordine Regionale degli Assistenti Sociali e dell’Asl 10 Firenze è stato finanziato dal Fondo F.E.I. (Fondo Europeo Integrazione) del Ministero Interno. Ha avuto tra i suoi obiettivi quello di elaborare accordi Strategici e Programmi di intervento per l’effettiva messa in rete dei servizi di inclusione sociale attivi nel territorio e rivolti alle donne immigrate ed alle loro famiglie. Ha sviluppato azioni di rete in sinergia tra servizi sociali e sanitari rivolgendosi a 500 donne immigrate e loro famiglie, attraverso azioni di: accoglienza, orientamento alla rete dei servizi socio sanitari sul territorio, presa in carico ed inserimento lavorativo.

Progetto SMS: Sportello Multi Servizio per donne immigrate 2010-2011
Il progetto di cui è stato capofila Nosotras in parternariato con Consorzio Co&So è stato finanziato dal Fondo F.E.I. (Fondo Europeo Integrazione) del Ministero Interno ed ha visto un percorso formativo per 10 operatrici di sportello (donne immigrate) che sono diventate protagoniste dell’accoglienza di 600 donne immigrate e delle loro famiglie, offrendo loro informazione ed orientamento ai servizi socio-sanitari, costruendo percorsi di empowerment e progetti personalizzati, nonché campagne di informazione e sensibilizzazione sui temi della salute materno – infantile.

BRIDGE ITThematic Network ICT for Social Integration and Cultural Diversity 2009-2012
Ente capofila del progetto: Università di Barcellona. Finanziamento: Commissione Europea.
Il progetto ha previsto uno scambio di esperienze fra attori appartenenti a settori sociali dell’immigrazione e attori esperti di tecnologia delle comunicazioni per elaborare strategie al fine di migliorare l’inclusione sociale degli immigrati. Coinvolge 25 partners (enti pubblici, associazioni di immigrati e interculturali, banche, gestori di tecnologie dell’informazione, sindacati e istituti di ricerca in 11 paesi. Il progetto intende creare un network tematico che analizza come le ICT (Information Communication Technology) possano aiutare l’inclusione sociale degli immigrati.

Progetto Multiregionale di Iniziativa Comunitaria “Occupazione e Valorizzazione Risorse Umane” 2000-2003.
Finanziato dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, Unione Europea – Fondo Sociale Europeo e Coordinamento Nazionale Comunità d’Accoglienza (CNCA).Drop-in center Nord Partners: Cooperativa C.A.T. (Toscana), Associazione On the Road (Abruzzo), Coop.Soc. Magliana 80(Lazio), Coop. Soc.Lotta Contro l’Emarginazione (Lombardia), Coop.Soc.Service Coop (Marche).
Le attività del progetto multiregionale sono state finalizzate alla ricerca-azione e valutazione di modelli di accoglienza, presa in carico e di orientamento per donne immigrate in difficoltà. I risultati finali del progetto sono stati presentati al Seminario Finale “Immigrazione Femminile e Politica dei Servizi” il 29 giugno 2001, Sala Brunelleschi Palagio di Parte Guelfa.

Sanitario:

Telemunicipio Saludable 2005-2006
Finanziato dalla Commissione Europea con Comune di Firenze, Segrate (Milano), Villa Real de Santo Antonio (Portogallo),Consonate e Santa Tecla (El Salvador), Choluteca e San Lorenzo Valle (Honduras), Puerto Mozaran, Chinandega e Granda (Nicaragua).
Il progetto aveva il fine di creare una rete di soci per favorire lo scambio di know-how, best practice ed esperienze positive nel settore dell’educazione, prevenzione e assistenza socio-sanitaria alle donne in età fertile. Il progetto ha avuto come fulcro le amministrazioni comunali delle città coinvolte. Ruolo di Nosotras: monitoraggio dei servizi sanitari rivolti alle donne straniere in età fertile nel territorio fiorentino e anche nelle altre province della Regione Toscana.

Pari Opportunità

Crisalide. Sostegno alle donne immigrate inserite in nuclei familiari 2009-2010
Finanziato – Ministero dell’Interno, Dipartimento per le Libertà Civili e per l’Immigrazione su Fondo Europeo per l’Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi.
Progetto nato per dare un sostegno alle donne straniere che registrano una comune difficoltà relativa alla mancanza di una rete familiare, offrendole strumenti per una reale integrazione attraverso percorsi personalizzati nel contesto familiare.

Scuole, Università ed Intercultura

FA.RA.S. Famiglie e Ragazzi Stranieri – Anno scolastico 2008
Progetto del Fondo Sociale Europeo, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Regione Toscana, Provincia di Firenze, Comune di Firenze Assessorato alla Pubblica Istruzione
Partecipazione in qualità di docenti in due percorsi formativi nelle scuole medie superiori
-Laboratori sull’intercultura
-Laboratorio per la formazione di un gruppo di “Tutor” composto dagli stessi ragazzi stranieri delle scuole e finalizzato ad accogliere ed aiutare i nuovi ragazzi immigrati nelle scuole, prevenire il loro disagio e in generale ridurre la dispersione scolastica delle seconde generazioni.

Grundtvig – Istruzione degli Adulti e Altri Percorsi Educativi 2006-2007
Progetto con ARCI Toscana, Comune di Ale (Svezia), Polka Akcja Humanitarna (Polonia), regione Toscana, Studieforbundet Vuxenkplan Tjorn/Stenungsund (Svezia), Università di Malta.
Ruolo di Nosotras: mappatura generale delle associazioni e strutture distribuite a livello regionale che forniscano servizi vari per le donne immigrate e gli uomini immigrati, consulenza legale, mediazione linguistico – culturale, intermediazione per affitto di appartamenti.

Contrasto alle discriminazioni razziali

Gennaio 2009 ad oggi – Auto-Sostegno fra donne immigrate nell’orientamento, accompagnamento e tutela dalle discriminazioni
Finanziato dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali all’interno del Fondo per l’Inclusione Sociale degli Immigrati (Anno 2007), finalizzato a intervenire a favore delle donne in difficoltà.
Il progetto promosso da COSPE, da NOSOTRAS e da altre associazioni toscane, ha come obiettivo: migliorare le condizioni di vita e le opportunità personali e professionali delle donne migranti presenti nei territori coinvolti con l’orientamento, l’accompagnamento e la tutela dalle discriminazioni di genere ed etnico-razziale, attraverso l’azione congiunta di associazioni, istituzioni e le auto-organizzazioni delle donne immigrate. Sono oggetto di un’attenzione specifica: episodi di discriminazione sulla base del genere o dell’origine ‘etnico-razziale’, sia nell’ambito del lavoro sia in altri settori della vita pubblica, attraverso un lavoro di rete con gli organi istituzionali preposti alla gestione e alla risoluzione di questa tipologia di conflitti (associazioni, Centri di tutela contro le discriminazioni, Consigliere di Parità, Difensore civico).

Vai all'inizio della pagina