Nosotras

Nosotras

Family Hub

Uno spazio di ascolto, sostegno, incontro per bambini e genitori.
E' Family Hub un progetto di contrasto alla povertà educativa pensato soprattutto per raggiungere le famiglie straniere. Mette a disposizione un'offerta diversificata di servizi per favorire l'accesso e il coinvolgimento delle famiglie.  Per sostenerle rafforzando il loro protagonismo nella costruzione dei processi di welfare il progetto promuove uno sportello di ascolto, due giorni a settimana a Firenze (lun 15-17 e mercoledì 10-13) e una volta a Scandicci (ven.10-13), attività di sostegno alla genitorialità, spazi di incontro per le famiglie.

Per questo vi segnaliamo uno dei prossimi appuntamenti dedicati alle mamme per offrire loro momenti di riflessione e supporto pratico e psicologico. Per il 27 febbraio, dalle 17,30 alle 19,30 (gratuito), dal titolo "Gravidanza Consapevole. Il genitore-canguro: l’importanza di portare addosso i bebè", con Valentina Cipriani, educatrice perinatale. Per quanto riguarda la genitorialità invece appuntamento il 6 marzo con "In gioco con i genitori. Ascoltiamoci: relazioni in gioco" con Antonio di Pietro.

Gli appuntamenti di marzo invece:
Lunedì 06 Rinascere… con te. Accompagnamento alla nascita attraverso occasioni di scambi con altre mamme
Con Laura Pesce e Olga Piemontese, pedagogiste cliniche
Lunedì 13 Gravidanza Consapevole. Tecniche di sopravvivenza quotidiana con un bebè
Con Valentina Cipriani, educatrice perinatale
Lunedì 20 Rinascere… con te. Accompagnamento alla nascita
attraverso occasioni di scambi con altre mamme
Con Laura Pesce e Olga Piemontese, pedagogiste cliniche
Lunedì 27 Gravidanza consapevole. Il sonno dei neonati:come evitare le notti bianche
Con Valentina Cipriani, educatrice perinatale

Il Volantino

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Family Hub Scandicci
presso Centro Infanzia Sacro Cuore
Via di San Colombano, 123 - Scandicci (FI)
Come arrivare - dalla Stazione S. M. Novella:
Tramvia fino a Villa Costanza + autobus n. 15 o
Tramvia fino a Resistenza + autobus n. 26

Family Hub Firenze
presso Centro Infanzia La Nave
Via delle Panche, 26
Firenze

INFO
L’Abbaino - Cooperativa Sociale
tel. 055 4221268
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
facebook: @familyhubfirenze
www.family-hub.net

Sabato 11 febbraio 2017 torna la Giornata di raccolta del Farmaco organizzata da Fondazione Banco Farmaceutico Onlus.

L'edizione 2016 ha visto il coinvolgimento di 3.681 farmacie e oltre 14.000 volontari; dei 353.806 farmaci raccolti hanno beneficiato oltre 400.000 persone assistite dai 1.663 Enti convenzionati con Banco Farmaceutico di cui Nosotras Onlus fa parte. 

Anche quest’anno parteciperemo alla raccolta come ente convenzionato.

 

 

Ci potete trovare presso le seguenti farmacie di Firenze:

Farmacia di Legnaia SaS via Pisana, 195 dalle ore 9.00 alle 19.00 

Farmacia Mungai del dott. Marco Nocentini via Starnina, 35 dalle ore 9.00 alle ore 13.00 

Farmacia Santa Maria Novella (Stazione) dalle ore 9.00 alle ore 19.00 

 

Unisciti a noi, recati in una farmacia aderente all’iniziativa ed acquista e regala un farmaco da banco.

STOP MGF

Giornata Internazionale contro le MGF. Arriviamo al 6 febbraio dopo un proficuo incontro con i rappresentanti delle associazioni che in Africa lottano contro il fenomeno, con la vice presidente e cofondatrice del Coniprat Niger, Madame Amsau Amadou Abdaulaye Malga, e Mr Sande Geofrey dell'Inter African Commitee Uganda, associazione di associazioni per cui Nosotras è antenna italiana. Madame Malga insiste fortemente nella necessità di andare a consolidare quei progetti che fino ad oggi hanno dato risultati, ridotto il numero di MGF, evitato che si tornasse a praticarle e allo stesso tempo hanno costruito un sistema di sostegno che avesse ricadute positive su tutto il contesto sociale. Come i progetti di microcredito a sostegno delle ExEx (ex mutilatrici) che andiamo a sostenere con la campagna ExEX e con il progetto Castitatis Cingulum, un anello contro la violenza. Anello che potete trovare in vendita online sullo shop di Luisa Via Roma che prosegue nel sostenere questa campagna ad un anno dal primo lancio.
Oggi sarà giornata anche di incontri e dibattiti e vi segnaliamo volentieri quello di Livorno, a cui partecipa la nostra Gloria Okomina, testimonial della Campagna ExEX, promosso dal Cesdi e la lezione rivolta agli studenti del Giotto Ulivi di Borgo San Lorenzo promossa dalla delegata per le pari opportunità del comune, lezione che verrà replicata più avanti anche all'Elsa Morante di Firenze.
Per chi volesse saperne di più domani mattina saremo in onda, dalle 9 alle 9,30 su Controradio che dedicata una puntata speciale al tema delel MGF, un sostegno importante perchè il primo elemento per combattere il fenomeno è la diffusione delle informazioni.

Verso il 6 febbraio

Messa al bando delle Mutiliazioni Genitali Femminili. E' l'obiettivo per cui la nostra associazione si batte da anni assieme alle altre realtà consorelle dell'Inter African Comimitee, si batte sui nostri territori promuovendo campagne di sensibilizzazione con le comunità e attività di formazione ma sostiene anche le attività in Africa che da anni, in paesi come il Niger, il Burkina Faso, il Senegal, con i suoi comitati in tutti i 28 paesi in cui si effettua la pratica, si mobilita per debellare le MGF. Per questo parteciperemo con entusiasmo ad una delle prossime tappe di confronto sulla tematica che si terrà a Roma dal 30 gennaio al 1°febbraio in occasione della Giornata Internazionale contro le MGF (6 febbraio).

Nosotras è inviatta a parlare martedì 31 per affrontare il tema degli scambi di buone prassi in occasione di cooperazione tra Nord e Sud, Sud e Sud, Sud-Nord, il tutto in occasione della conferenza, presieduta da Mariama Sarr, Ministro per le Donne, la Famiglia e l’Infanzia, Senegal, dal titolo “L’erronea identificazione del problema generi ostacoli alla lotta contro le violazioni dell’integrità personale”. In questo panel ci si concentrerà sugli approcci contro produttivi nella lotta alle MGF come la medicalizzazione e gli incentivi finanziari. Si cercherà inoltre di creare più consapevolezza su comuni incomprensioni ed errori riguardo le pratiche in discussione, come la percezione di specificità geografiche o religiose, e di assicurare inoltre che la lotta contro le MGF venga Intesa come una questione di autonomia personale e autodeterminazione. Il panel tratterà di empowerment femminile e del più ampio contesto delle violenze sessuali e di genere entro il quale le MGF possono essere capite meglio. Con noi a parlare di scambi Sud-Sud, Sud-Nord e Nord-Nord, Amsou Amadou Abdoulaye Maiga, del CONIPRAT, Niger. M.me Maiga del CONIPRAT -IAC Niger e Mr. Sande dell' IAC Uganda saranno poi ospiti di Nosotras dal 1° al 3 febbraio e terranno un incontro con le realtà toscane che si occupano di cooperazione internazionale pensato per lo scambio di buone pratiche e di idee per future progettualità sul tema delle MGF.

Progetto SETUP

Scambio di buone pratiche tra Italia, Spagna, Germania e Olanda. E' il motore del progetto S.E.T.U.P. (Share, Experiment and transfer service model to Uphold Persons from Third Countries) per realizzare uno sportello europeo gratuito per le donne migranti in difficoltà, trasferire la prassi toscana di autonomia ed empowerment rivolta alle donne migranti, sia a livello nazionale (in Calabria) e sia a livello europeo (in Spagna) e migliorare, grazie allo scambio e alla sperimentazione della pratica olandese dell’affido omoculturale, i servizi di accoglienza di minori non accompagnati (MSNA) in Italia, favorendo lo sviluppo di un sistema di affido che valorizzi la partecipazione consapevole delle famiglie immigrate.
Il progetto nasce dalla riflessione comune sul tema da parte della nostra associazione, NOSTRAS, e di Cooperazione Sud per l'Europa riflessione che ha sviluppato l'analisi sia sul "modello toscano" che sull'esperienza calabrese di accoglienza ai migranti. Riflessione che ha fatto emergere punti di forza ma anche punti deboli: la necessità di implementare approcci strategici per la tutela delle donne migranti, ridurre i tempi di affidamento dei minori non accompagnati e individuare dei tutor personalizzati e magari accompagnarli in famiglia con l'affidamento. Il progetto è appena partito ed abbiamo numerose idee sulle quali vi terremo aggiornati.
Intanto abbiamo appena pubblicato l'Avviso pubblico di procedura comparativa per il conferimento di incarichi professionali (revisore contabile e esperto legale). La domanda deve essere pubblicata entro il 7 febbraio alle 12.

LINK

Dopo la positiva esperienza dello scorso anno Nosotras torna a proporre alla Libera Università di Scandicci un percorso che aiuti a indirizzare il punto di vista su quello delle donne di tutto il mondo. Un viaggio virtuale attraverso i quattro continenti condotto assieme alle nostre donne, tutte migranti, tutte con un percorso di migrazione positivo e che stanno lavorando attivamente all'interno dell'associazione. Un racconto a più voci, tutte femminili dalla Somalia alla Tunisia, dalla Turchia al Marocco. Presentazione del corso domani 17 gennaio alle 17 all'Aula Magna della Fabbrica dei Saperi, P.za Matteotti, Scandicci, assieme agli altri corsi del secondo semestre. Dieci gli incontri per il nostro e si terranno il giovedì pomeriggio dalle 17 alle 19 a partire da febbraio. Il corso è condotto da Hafida Bouchida, parte del direttivo di Nosotras e insegnante di lingua e cultura araba.

Mai violenza sulle donne

Il 25 novembre ci siamo dati appuntamento alla Limonaia di Villa Strozzi per dire NO alla violenza alle donne. Sulla nostra pagina Flickr potete trovare la galleria di immagini della fotografa Maryam Raz realizzate in occasione di questo incontro. 

 

Arte e Vita a Nosotras

Carlos Silveira lavora da oltre 20 anni come docente, è ingegnere civile, laureato all'Università Federale di Rio Grande do Sul, in Brasile, ma si è poi specializzato in pittura e disegno in Illinois e poi in Texas. Adesso lavora con la California State University Long Beach ed è venuto a Firenze con un gruppo di giovani studenti, ospiti di un programma di studio all'American Institute for Foreign Study, per un corso di "Art and Social Action" ovvero il lato sociale e politico dell'arte.
Assieme hanno coinvolto un gruppo di donne di Nosotras elaborando con loro, oltre le barriere linguistiche e i gap formativi, un progetto artistico.
"Volevamo ringraziare tutte le donne di Nosotras che hanno partecipato a questo percorso con noi - hanno detto gli studenti, oggi, ultimo degli incontri per questo progetto- perchè assieme, nonostante le diverse lingue, le diverse storie, dipingendo insieme ci siamo sentiti uniti, senza diversità".
"Grazie a questi giorni passati assieme - ha detto invece Mariam, una delle donne dell'associazione - mi sono resa conto che anche io, che non ho nessuna conoscenza artistica, posso però fare qualcosa, anche io posso divertirmi realizzando qualcosa di bello".
"Per Nosotras - ha detto Laila Abi Ahmed, Presidente dell'Associazione a chiusura del progetto, prima che il risultato di questo lavoro assieme fosse appeso al muro - questi sono momenti importanti. Le donne che vengono da esperienze di vita complesse o che stanno vivendo un'intoppo nel loro progetto migratorio, grazie a laboratori come questo riescono a recuperare confidenza con se stesse e fiducia nel prossimo e, divertendosi, a ritrovare le energie per affrontare le sfide della vita".
Sul nostro profilo Flickr potete vedere alcuni scatti realizzati durante il laboratorio.
Un grazie a tutte le donne dell'associazione che hanno partecipato a questo progetto e agli studenti statunitensi che hanno condiviso la loro energia creativa.

Crowdfunding per ExEx

Mai più MGF, è questo il nostro obiettivo. Ed è per questo che abbiamo scelto il 25 novembre, giornata di sensibilizzazione nazionale contro la violenza alle donne, per lanciare la nostra prima campagna di crowdfunding a sostegno del progetto ExEx. La comunità internazionale ha definito le MGF una delle forme di violenza contro le donne e le bambine. Il nostro progetto promuove percorsi di empowerment per quelle donne che hanno deciso di abbandonare la pratica delle MGF: non mutileranno mai più. Per farlo le aiutiamo a sviluppare dei piccoli percorsi di imprenditoria, una sartoria, un piccolo negozio, per poter mantenere l'impegno assunto di non mutilare più una bambina. Tale sostegno arriva sottoforma di microcredito in modo tale che la comunità tutta possa poi usufruire di questa possibilità di aiuto e sostegno. Il paese scelto per proseguire il nostro impegno in tal senso è il Niger che è uno degli ultimi dieci paesi nel mondo per PIL procapite. Nosotras sta collaborando in particolare con l'Associazione Coniprat per sviluppare progetti che coinvolgano le comunità, dai leader spirituali alle anziane del villaggio, e mettere fine alla pratica delle MGF. Un lavoro a tappeto, villaggio per villaggio, che richiede un impegno costante che vada a sostenere chi ha deciso di interrompere il ciclo della tradizione.
Abbiamo pensato al crowdfunding e grazie a Eppela da oggi la campagna sarà attiva sulla sua piattaforma (www.eppela.com/nosotras). La campagna durerà 40 giorni, obiettivo 7mila euro.

Abbiamo dunque bisogno di tutti coloro che ci sostengono per raggiungere questo traguardo e magari ... superarlo!

Consultate il sito di Eppela e i nostri canali social per rimanere informati.

Rapporto sulla violenza di genere

In Toscana da otto anni si studiano i numeri della violenza di genere. Per creare consapevolezza sull'ampiezza e drammaticità reale del fenomeno, prima c'era chi li metteva in dubbio i dati, e per individuare i fronti su ci intervenire attraverso politiche mirate. In un unico elaborato - presentato ogni anno in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne - sono raccolte tutte le informazioni provenienti dai diversi attori che operano per il contrasto alla violenza di genere. I dati delle 28 strutture, tra Centri antiviolenza e Centri/sportelli d’ascolto che alimentano l'applicativo web regionale sulla violenza di genere, hanno avvalorato le risultanze degli scorsi anni: seppur con alcune difficoltà legate alla chiusura di alcuni sportelli territoriali, i Centri si confermano punto di forza della rete contro la violenza, accogliendo ogni anno oltre 2.500 nuove utenti. L'ultimo rapporto rilevava come nel 2014 i media avessero dedicato meno attenzione al tema, soprattutto a quello dei femicidi. Ridotta attenzione che ha invece corrisposto un aumento delle donne uccise in Toscana nel 2014, arrivate a 12 (praticamente una al mese), dato in crescita rispetto al triennio precedente. Dal 2006 al 2014, in regione, il numero di vittime di femicidio è arrivato a 77, ovvero una ogni 46 giorni: in tutti i casi in cui l’autore è stato individuato, viene evidenziata la natura “domestica” di questi omicidi, avvenuti per mano di una persona che la donna conosceva: un partner, un ex, un pretendente respinto, un cliente, un figlio.
Per cercrae di capire come si sta evolvendo il fenomeno e se gli interventi messi a punto fino ad ora stanno dando risultati l'appuntamento è il 29 novembre alle ore 15 all'Auditorium di Santa Apollonia per la presentazione del nuovo rapporto. Qi trovate invece le informazioni sui rapporti degli anni precedenti. (http://servizi2.regione.toscana.it/osservatoriosociale/)

Pagina 4 di 8
Vai all'inizio della pagina