Nosotras

Nosotras

STOP MGF

Il 6 febbraio è la Giornata Internazionale contro le Mutilazioni Genitali Femminili. Al San Camillo di Roma è stata organizzata una mattinata per confrontarsi sul tema con l'occasione della presentazione di un vademecum, delle linee guida messe a punto anche con il nostro contributo, che sarà distribuito tra gli operatori e operatrici delle strutture di prima accoglienza.

GIORNATA INTERNAZIONALE
TOLLERANZA ZERO PER LE MUTILAZIONI GENITALI FEMMINILI
Martedì 6 FEBBRAIO 2018
AZIENDA OSPEDALIERA S. CAMILLO FORLANINI - ROMA
Ospedale San Camillo Aula A Edificio PIASTRA secondo piano

La pratica delle MGF viola il diritto di donne e bambine alla salute, alla sicurezza ed alla integrità fisica, al loro diritto di essere libere e non soggette a torture e crudeltà, a trattamenti disumani e degradanti ed al loro diritto di vivere senza essere esposte a procedure che possono provocare la morte.

Tra gli ospiti della mattinata: Dr. Fabrizio d'Alba Direttore Generale Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini, Avv. Lucia Annibali, Consigliera della SS. per le pari Opportunità, Dr.ssa Serena Battilomo, Direzione della Prevenzione Sanitaria Ministero della Salute, Dr.ssa Giovanna Salerno, Direttrice UOC Ostetricia e Ginecologia – Dipartimento Salute Donna Bambino Azienda Ospedaliera S. Camillo Forlanini, Dr.ssa Giorga Serughetti – Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, Dr.ssa Giovanna Scassellati Sforzolini, 

Il nostro impegno sul territorio. Uno sportello dedicato alle donne nel comune di Fucecchio. Lo abbiamo aperto assieme al Movimento Shalom Onlus in via Donateschi 33 grazie alla collaborazione del Comune e dell'assessorato alle pari opportunità perché questo progetto vuole essere uno strumento in più per aiutare e sostenere le donne straniere. Uno spazio di ascolto con l’obiettivo di garantire pari opportunità e dignità a tutte le donne attraverso il sostegno all’autonomia puntando sulla costituzione di gruppi di socializzazione ed eventi di sensibilizzazione.

Lo sportello sarà aperto ogni giovedì mattina dalle 9,30 alle 12,30.
Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – cell. 392.3509627

Tolleranza ZERO

Ancora insieme per il contrasto delle MGF. E' dal 2014, dall'appuntamento ‘Florence for Women’ del 25 novembre di quell'anno, che tra ES'GIVIEN - brand emergente nel fashion world con una guida tutta femminile - e Nosotras Onlus - associazione interculturale che dal 2004 si occupa della tematica - è nato un sodalizio finalizzato al contrasto dei fenomeni di violenza e violazione su donne e bambine tra cui le mutilazioni genitali femminili (MGF).

In occasione della Giornata Internazionale contro le MGF, ‘Giornata Mondiale Zero Tolleranza’, ES’GIVIEN e la sua fondatrice, la Psicologa Vivilla Zampini, ora Neo-Presidente di CNA Impresa Donna Firenze, hanno deciso di tornare a dare il proprio contributo ad una storica campagna di Nosotras Onlus: ExEx, una raccolta fondi per progetti di microcredito rivolti alle ex mutilatrici (ex exciseuses) che hanno finalmente abbandonato la pratica, ossia ‘hanno lasciato definitivamente il coltello’ .
Da anni ES’GIVIEN con la sua startup ilfashionbelloebuono, porta avanti iniziative concrete sul tema. ‘Crediamo, dice Vivilla Zampini, che oggi si debba uscire dal proprio ‘territorio’ per abbracciare e portare un contributo nel mondo e nello specifico nel sociale. Ed essendo ES’GIVIEN un’azienda interamente al femminile, vogliamo fare qualcosa a favore delle tematiche che riguardano le donne. Da qui il nostro impegno.’
Conclude Vivilla Zampini: “ Per questo 6 febbraio _ Giornata Zero Tolleranza _ abbiamo creato una Capsule Collection, ES’GIVIEN-mini, per mum&daughter, il cui ricavato - del KapoK - verrà devoluto alle campagne di NOSOTRAS Onlus contro le MGF e tutte le forme di violenza e violazione su donne e bambine.”

"Nosotras Onlus è associazione antenna del Comitato Interafricano contro le mutilazioni genitali femminili e le pratiche nefaste - dice la Presidente dell'Associazione Laila Abi Ahmed - e quest'anno il tema della giornata vuole mettere in luce tutte le relazioni che servono per contrastare il fenomeno: da quelle istituzionali e politiche a quelle delle associazioni civili. Noi proseguiamo il nostro impegno per promuovere una cultura di contrasto e prevenzione del fenomeno e continueremo a lavorare con le associazioni sorelle, in Africa, che da trenta anni portano avanti questa battaglia. Ad agosto del 2017 siamo tornate, con una missione, a confrontarci con la nostra associazione sorella in Niger, il Coniprat, per verificare lo status dei progetti di microcredito e raccogliere le istanze che arrivano da questo paese che solo per i fatti legati ai flussi migratori oggi, in Italia, trova spazio sulle pagine dei giornali. Abbiamo trovato uomini e donne impegnati davvero nel contrasto del fenomeno e rilevato come i progetti di microcredito siano veramente dei volani di cambiamento ed emancipazione. La strenua caparbietà di questi pionieri, nonostante le criticità del paese, è per noi uno stimolo importantissimo per proseguire le nostre campagne di advocacy perché più, mai più, nessuna bambina venga sottoposta a questa pratica. Per porre fine al fenomeno serve però l'impegno di tutti, nei paesi di origine, nelle diaspore, da parte delle istituzioni e delle organizzazioni e associazioni perché mettere la parola fine al fenomeno è una decisione politica."

Nessuna discriminazione

Sono aperte le iscrizioni al corso di formazione gratuito #IONONDISCRIMINO sulla normativa antidiscriminatoria (normativa internazionale, sovranazionale e italiana, ruolo di UNAR e rilevazione dei casi, hate speech e discriminazioni istituzionali nell'accesso alle tutele sociali da parte dei cittadini di Paesi Terzi, discriminazione sul lavoro e sfruttamento lavorativo) rivolto a operatrici e operatori dei Comuni della Regione Toscana, dei progetti Cas e Sprar, dei patronati, dei CAF e del privato sociale, organizzato all'interno del progetto FAMI #ionondiscrimino, capofila ANCI Toscana, in partenariato con la Regione Toscana (http://www.ancitoscana.it/component/k2/893-ionondiscrimino.html) e organizzate da UNIFI - Centro Interuniversitario L'Altro diritto.
Il corso è organizzato in 5 moduli suddivisi in tre giornate che si ripeteranno nelle tre sedi previste: Firenze, Pisa e Siena, con il seguente calendario:
 
FIRENZE (SEDE: Circolo Arci, piazza dei Ciompi 11)
PRIMA GIORNATA: 16 gennaio 2018
SECONDA GIORNATA: 24 gennaio 2018
TERZA GIORNATA: 25 gennaio 2018
 
PISA (SEDE: Reform, via Pascoli, 8)
PRIMA GIORNATA: 23 gennaio 2018
SECONDA GIORNATA: 29 gennaio 2018
TERZA GIORNATA: 6 febbraio 2018
 
GROSSETO (sede: Palazzo della Provincia, sala Pegaso Piazza Dante Alighieri, 35)
PRIMA GIORNATA: 30 gennaio 2018
SECONDA GIORNATA: 7 FEBBRAIO 2018
TERZA GIORNATA: 13 febbraio 2018
 
SCARICA LA LOCANDINA

Sono uscite le linee guida curate dalla nostra associazione assieme a Associazione Parsec Ricerca e Interventi Sociali, Coop. Soc. Parsec, Università di Milano-Bicocca, A.O. San Camillo Forlanini e Associazione Trama di Terre. 

Un breve manuale a disposizione degli operatori del settore dei Cpsa (Centri di primo soccorso e accoglienza), Cda (centri di accoglienza) e dei Cara (centri di accoglienza per richiedenti asilo)” per consentire loro di lavorare la meglio con le donne e le bambine che arrivano da paesi dove si praticano le MGF.

Le linee guida sono scaricabili dal sito del Dipartimento Pari Opportunità oppure dal nostro sito web.

Auguri

Un altro anno si è concluso, un anno pieno di sfide e difficoltà che abbiamo condiviso con le nostre socie e soci, amici ed amiche. Molto abbiamo fatto, molto abbiamo ancora da fare: le sfide che arrivano dal complesso mondo che viviamo riguardano tutte e tutti, ci riguardano.
Con un impegno quotidiano per rimanere fedeli alla nostra mission associativa, per portare avanti un dialogo interculturale che vada a toccare ed affrontare tutte le difficili questioni che affrontiamo nella vita di tutti i giorni.
Che i 2018 sia un anno pieno, intenso e proficuo per tutti gli amici ed amiche di Nosotras Onlus.

Vi ricordiamo che i nostri uffici rimarranno sempre aperti, fino all'8 gennaio con orario 10-13.

Ma fido e mi affido

In occasione del mese dell'affido il comune di Prato Servizio Sociale e Sanità in collaborazione con la società della salute pratese, Azienda Usl Toscana Centro, le famiglie affidatarie dell'Area Pratese e Sarah cooperativa sociale onlus ha organizzato una serata in cui è stato possibile confrontarsi e ascoltare testimonianze sul tema dell'accoglienza, il tutto assaggiando i sapori dall'Africa Sub-sahariana in un'atmosfera di musica e danze.
Il dibattito è iniziato con la testimonianza di Don Angelo Rancati, parroco presso la chiesa SS.ma Trinità a Viaccia, il quale ha sottolineato l'importanza del rapporto scuola- famiglia, a seguire Hafida Bouchida della nostra Associazione che ha introdotto il progetto dell'affido omoculturale.
"L'affido consensuale omoculturale" prevede l'inserimento dei minori non accompagnati in famiglie della stessa etnia che saranno preparate e formate. Il progetto si caratterizza per l'attivazione di percorsi misti, che mettono in relazione i servizi sociali dei comuni, le comunità educative e le famiglie affidatarie. In questo modo, è garantita al minore una rete sociale che lo condurrà alla gestione autonoma della propria vita, una volta raggiunta la maggiore età. Le famiglie che hanno sperimentato un percorso positivo di integrazione in Italia rappresentano una risorsa preziosa perché conoscono bene le aspettative e i vissuti di un migrante, ma allo stesso tempo anche la cultura italiana e possono quindi meglio di altri rappresentare un sostegno e una risorsa che facilita l'integrazione di un minore straniero e della sua famiglia. Per concludere Emilia Russo dell'associazione Ubi Minor ha raccontato le sue esperienze personali riguardo all'affido e all'essere mamma.

Io mi affido

Organizzato in occasione del "Mese sull'affido", a Prato, African We Trust è l'evento conclusivo di una serie di appuntamenti dedicati al tema.
L'iniziativa è promossa dall'ufficio Servizio Affidi del Comune di Prato, in collaborazione con le Famiglie Affidatarie e con il patrocinio di SDS
Società della Salute Pratese e Azienda USL Toscana Centro. Nosotras sarà presente sabato 28 alle 18 per confrontarc sul tema e presentare il lavoro che
stiamo svolgendo nell'ambito del progetto FAMI, Set-Up. Per Nosotras l'affido rimane uno degli strumenti grazie al quale poter sviluppare una spirale
virtuosa di empowerment che coinvolga famiglie, minori, affidatari e servizi del territorio.
Qui trovate i prossimi appuntamenti pratesi, noi vi aspettiamo il 28/10
Sabato 21 Ottobre
ore 17.30 presso Libreria "Il Paese dei Baobab" - Via dell'Alberaccio 69/i (Prato)
Partecipazione ad Eventi e sagre organizzate da enti e associazioni del territorio pratese

Mercoledì 25 Ottobre 17.30 - Opinioni a confronto su Minori Stranieri Non Accompagnati presso Biblioteca Lazzerini

Sabato 28 Ottobre
ore 18.00 - "African Trust" - Serata Danzante con cena multietnica
Via S. Vincenzo, 39 (Prato)

Rassegna cinematorgrafica a tema
presso Art Hotel: Viale della Repubblica, 289 (Prato)

Giovedì 26 Ottobre
ore 21.15 - "La Pazza Gioia"
Regia di Paolo Virzì

Lavoro domestico oggi

Il lavoro domestico oggi, di cosa parliamo? Le donne sono diventate protagoniste delle migrazioni e spesso il primo lavoro che trovano nel nuovo paese di accoglienza è quello domestico. Come si vive questa condizione? Quanto ci forma e forma il nostro pensiero di donne migranti?
Di questo parleremo mercoledì 18 ottobre alle 14,30 in occasione della tavola rotonda organizzata dall'Università degli Studi di Firenze in occasione della Settimana della Sociologia. Appuntamento in aula D4/002 in via delle pandette al Campus delle scienze sociali.

Calcio solidale

Gli amici e amiche di Associna ci segnalano una bella iniziativa che si terrà questo sabato. La FC Associna, squadra che riunisce le seconde generazioni cinesi d'Italia, si incontrerà con la Rondinella, storica squadra fiorentina.
Una giornata di sport e divertimento a Coverciano per una sfida all'insegna della passione e del rispetto.
L’evento, il primo del genere, ha il patrocinio del Consolato della Repubblica Popolare Cinese in Firenze, nonché del Comune di Firenze, e ha riscosso un grande riscontro nella comunità cinese, con tante associazioni e aziende che hanno voluto sostenere l’evento e che festeggeranno fianco a fianco insieme agli amici italiani guardando un match che ha il sapore di una partita tra le due nazionali.
Numerosi i sostenitori sia nel mondo dell’associazionismo, come l’Associazione d’amicizia dei Cinesi di Prato, l’Associazione Abbigliamento Italia – Cina, l’Associazione Generale Ramunion in Italia, l’Associazione Generale di Commercio Italo Cinese sezione di Prato, sia dai privati, come la Queen Fashion, Focus Man, Futura Medical, Oromoda, The Galileo Hotel, Bagart, Oulide Group, Serigst, Asilo l’Isola Felice e il ristorante Mitica Maria.
Per questa amichevole la FC Associna ha selezionato i più bravi calciatori cinesi presenti in Italia per giocare con la Rondinella (che ha coinvolto per l’occasione anche proprie vecchie glorie). Il programma prevede anche l’esibizione di giovani giocatori cinesi di una scuola di calcio di Prato e il saluto di istituzioni italiane e cinesi, per condividere con gli spettatori un momento di festa, all’insegna della buona convivenza e della condivisione della propria passione sportiva. L’evento è ad accesso libero e si terrà questo sabato 30 settembre alle ore 14:30 al Centro Tecnico Federale di Coverciano.

Pagina 1 di 7
Vai all'inizio della pagina